Richiesta immagini

Ai sensi dell’art. 108 comma 3 del Codice dei beni culturali e del paesaggio (decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42): “Nessun canone è dovuto per le riproduzioni richieste o eseguite da privati per uso personale o per motivi di studio, ovvero da soggetti pubblici o privati per finalità di valorizzazione, purché attuate senza scopo di lucro. I richiedenti sono comunque tenuti al rimborso delle spese sostenute dall’amministrazione concedente”.
Il visitatore che nei luoghi afferenti all’Istituto effettua riprese foto e video autorizzate è tenuto a seguire modalità che non comportino alcun contatto fisico con le opere, né l’esposizione delle stesse a sorgenti luminose, né l’uso di stativi o treppiedi.
Ai sensi dell’art. 108, comma 3bis “La riproduzione delle immagini di beni culturali, legittimamente acquisite, per attività svolte senza scopo di lucro, per finalità di studio, ricerca, libera manifestazione del pensiero, espressione creativa, e di promozione della conoscenza del patrimonio culturale è libera, così come è libera la loro divulgazione con qualsiasi mezzo, in modo da non poter essere ulteriormente riprodotte a scopo di lucro, neanche indiretto”.

È invece previsto un canone per qualsiasi altro tipo di riproduzione a fini editoriali e commerciali (art. 108, commi 1 e 2) secondo queste TARIFFE:

Costi per singola riproduzione

SCOPO STUDIO – JPEG bassa risoluzione: concessione gratuita, per tutti gli altri scopi di studio dettagliare nella richiesta le modalità di utilizzo; il TIFF è concesso solo per usi editoriali.

USO EDITORIALE – TIFF alta risoluzione: 50,00€– Macrofotografie: 50,00€

L’Istituto favorisce la promozione e la conoscenza del proprio patrimonio, e si riserva di valutare la concessione gratuita di immagini di proprie opere per la pubblicazione su riviste scientifiche e di settore, su specifica richiesta, fatti salvi gli eventuali costi di ripresa digitale delle immagini ove non presenti in archivio, per le quali è prevista una spesa di € 10,00 cadauna.

È invece previsto un canone qualora la/le immagini siano utilizzate, anche a scopo editoriale, secondo le seguenti tipologie di utilizzo:

  • Uso di immagine per pubblicazione divulgativa o scientifica: € 50.
  • Uso di immagine per prodotti di merchandising: royalties del 10% sul prezzo al pubblico previsto da pagarsi prima di ricevere la concessione.
  • Uso di immagine su copertina di libro: € 250.
  • Uso di immagine, in occasione di mostra, per brochure, manifesti, locandine, promozione su altri media: € 250 per ciascun utilizzo.
  • Uso immagine per allestimento in esposizione permanente (musei facenti parte dell’ICOM): € 300 all’anno.
  • Uso immagine per scopi pubblicitari:
    • per distribuzione su uno Stato: a partire da euro 2.000 con validità di concessione di un anno.
    • per distribuzione su Internet o su più Stati: a partire da euro 4.000 con validità della concessione di un anno.

Per usi delle immagini diversi da quelli descritti, si prega di presentare una richiesta dettagliata a ic-gr@beniculturali.it.

La riproduzione massiva (oltre 30 immagini) a scopo editoriale di interi nuclei delle collezioni o di parti sostanziali di esse è soggetta ad apposita autorizzazione, rilasciata a seguito di specifici accordi con la casa editrice. Ciò al fine di salvaguardare l’unità e l’integrità dei fondi e delle collezioni tutelati dall’Istituto.

Procedura per la richiesta di riproduzioni fotografiche

Per la richiesta di riproduzioni fotografiche è necessario scaricare l’apposito Modulo di richiesta, compilarlo e inviarlo completo di tutte le informazioni richieste all’indirizzo ic-gr@beniculturali.it; seguirà l’autorizzazione firmata dal dirigente, contenente le modalità di pagamento e di successivo invio della/e immagine/i.

Nel caso di richieste per immagini a scopo di studio, si raccomanda di compilare, sottoscrivere e inviare anche il “Modulo condizioni di utilizzo“.

Una volta ottenuta l’autorizzazione da parte del Direttore, il ricercatore dovrà riportare sulla pubblicazione l’indicazione della provenienza “Istituto centrale per la grafica, Roma”, e la menzione “su concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo”.

Il ricercatore, inoltre, dovrà consegnare almeno una copia della pubblicazione in cui sarà inserita la riproduzione, indirizzandola alla Biblioteca dell’Istituto centrale per la grafica.

Pin It on Pinterest

Share This