Seleziona una pagina

Clicca l’immagine per ingrandire

Studio per una testa femminile

Fotografie, Scheda Opera

Francesco Paolo Michetti (Tocco da Casuria, 1851 – Francavilla al Mare, 1929)

Studio per una testa femminile 

1881 ca.

stampa su carta al citrato

66 x 89 mm

FP 6860

 

La fotografia appartiene a un corpus di 110 stampe fotografiche originali del pittore-fotografo – per lo più esemplari unici – proveniente dalla collezione di Marina Miraglia, che lo aveva ricevuto in dono dagli eredi Michetti in seguito all’importante studio condotto sull’archivio fotografico dell’artista (pubblicato nel 1975). Questo nucleo di opere esemplifica l’uso originale e fortemente consapevole che Michetti fece del mezzo fotografico, elevandolo a forma espressiva e linguistica del tutto autonoma e compiuta, distinguendosi così dai suoi contemporanei che – come fu nel caso di vari altri pittori di ambito napoletano, come Bernardo Celentano e Domenico Morelli – utilizzarono la fotografia come modello, soprattutto in ambito accademico. Per Michetti, infatti, come del resto per altri artisti-fotografi, la fotografia, seppure si inserisca come uno dei tanti elementi di studio all’interno di un unico percorso creativo e di crescita intellettuale, e sia vista come una lettura del dato naturale, necessaria per giungere a una personale e poetica interpretazione di questo nell’opera pittorica, costituì un momento di rottura nei confronti del Realismo ottocentesco. Il complesso e problematico rapporto arte-fotografia, che a cavallo tra Otto e Novecento rifletteva la crisi più generale dell’espressione artistica, si risolve in Michetti in un procedimento mentale di astrazione rispetto al reale, attraverso il quale la trasfigurazione del dato naturale era compiuta nella pittura stessa, in un linguaggio aulico, in cui il realismo delle immagini fotografiche, da cui pure egli parte, viene trasposto in una dimensione quasi epica.

Questo studio – in particolare la posa assunta dalla modella nell’immagine di sinistra – è stato più tardi utilizzato per la realizzazione della tempera in bianco nero su tela, Testa di giovane donna, conservata alla Galleria nazionale d’arte moderna (inv. 2069/3).