Seleziona una pagina

Clicca l’immagine per ingrandire

Il Genio di Salvator Rosa

Matrici, Scheda Opera

Salvator Rosa (Napoli 1615 – Roma 1673)

Il Genio di Salvator Rosa, 1662

acquaforte su rame con ritocchi a puntasecca

473 x 282 mm

VIC 747h

L’opera è densa di significati allegorici e filosofici. Il Genio dell’artista, nudo e con una corona d’alloro, è circondato dalle personificazioni delle arti e dei valori che lo ispirano: alle sue spalle la Libertà; di fronte la Sincerità cui dona il suo cuore, e la Pittura, citazione letterale della figura femminile in ginocchio nella Trasfigurazione di Raffaello. 

E’ un esempio tra i più rappresentativi dell’incisione del Seicento, il secolo dell’acquaforte. Si conservano nel Fondo Corsini dell’Istituto anche il disegno preparatorio realizzato a matita nera e sanguigna con ritocchi a biacca, e un esemplare della stampa.

Le tre opere illustrano il processo di riproduzione dell’immagine: dall’idea fissata nel disegno si giunge alla stampa, attraverso la matrice generatrice di multipli. La lastra fu acquistata dalla Calcografia Camerale nel 1788.